Tirocinanti Mg, Campania in ritardo di sei mesi nel pagare le borse

Allarme dai medici di famiglia del triennio post-laurea in Campania: non vengono pagati da sei mesi. A lanciarlo è Giuliana Arciello la coordinatrice nazionale dei tirocinanti Fimmg formazione: «La situazione del corso di formazione in Campania non ha precedenti, le borse non ci vengono retribuite da giugno e come segreteria nazionale ho deciso di sollevare il caso. Le rivendicazioni e i solleciti formalizzati dell’esecutivo Fimmg formazione Campania non hanno ricevuto alcuna risposta; ci è stato detto ufficiosamente in Regione che c’erano problemi amministrativi da ricondurre all’ex Arsan, l’Agenzia sanitaria regionale soppressa l’anno scorso, ma tutte queste appaiono scuse senza alcuna valenza agli occhi di professionisti che si vedono negata la loro unica fonte di sostentamento. Già negli anni scorsi si erano verificati ritardi ma erano stati colmati in modo relativamente rapido e speravamo che la situazione si ricomponesse anche stavolta ma così non è stato e dobbiamo gettare un allarme», afferma Arciello.

Tra l’altro, l’omissione appare paradossale se si pensa che i ben più cospicui contratti dei coetanei specializzandi in Campania vengono onorati puntualmente a fine mese. «Mi risulta che per gli specializzandi il nostro problema non ci sia. Molte differenze del resto ci separano – afferma Arciello – a partire da una tutela della maternità e previdenziale che per noi aspiranti medici di famiglia è di gran lunga inferiore». Le differenze potrebbero essere colmate se alla Camera passasse l’emendamento ora fermo in Commissione Bilancio che avvia dal 2018 una vera Scuola di Specializzazione in Medicina Generale e Cure primarie con un contratto che dispone una somma da 25 mila euro lordi annui. La Fimmg ha espresso attenzione sulla proposta. Chiede però che alla formazione della norma siano chiamati i componenti della professione, insieme alle Regioni e agli Ordini dei medici, “per lavorare su un progetto che abbia la prospettiva di dare una visione a lungo termine dello sviluppo della medicina generale nel sistema sanitario italiano, per formare medici più vicini ai bisogni”.

I giovani Fimmg non hanno fin qui espresso una posizione ufficiale, ma Arciello non nega che «la proposta è interessante e ci trova disponibili a parlarne. La vediamo in modo propositivo anche perché oltre a riconoscere la specificità della nostra formazione finalmente prevede uno stanziamento congruo per i contratti, una copertura che nelle proposte di legge fatte in passato non c’era. La perplessità è relativa al fatto che si debba utilizzare come strumento una Legge di bilancio per apportare un cambiamento epocale; e poi, va garantita fino in fondo la copertura anche per gli anni a venire con una corretta programmazione. In ogni caso stavolta c’è un segnale importante».

http://www.doctor33.it/politica-e-sanita/tirocinanti-mg-campania-in-ritardo-di-sei-mesi-nel-pagare-le-borse/?xrtd=ASPLLXVVTTRALVSTARTPYCA




Formazione medicina generale. Interrogazione Pd aumento posti

L’interrogazione è stata presentata dalla deputata Giuditta Pini. 

FIMMG Formazione: “Necessarie risposte immediate oppure la medicina generale, pilastro del SSN, non reggerà”.

– In seguito all’interrogazione della parlamentare del Pd di Modena, onorevole Giuditta Pini, il ministro della Salute e il ministro dell’Università Istruzione e Ricerca avranno modo di rispondere a un tema che ha attraversato tutto il 72° Congresso nazionale della FIMMG: la programmazione e la qualificazione delle risorse umane nell’ambito della medicina generale.

Il testo riporta “promuovere l’aumento dei posti nelle scuole post laurea di medicina, al fine di ottenere un ricambio più in linea con le esigenze di copertura del territorio nazionale” e questo tema è estremamente sintonico con le analisi e le proposte che da molto tempo Fimmg e Fimmg Formazione avanzano e che vanno a ribadire un concetto fondamentale: il Mmg rappresenta il pilastro del sistema sanitario nazionale.

Per l’ennesima volta alla politica viene chiesto di valutare criticamente la disparità di trattamento economico percepita dal medico in formazione in medicina generale rispetto ai suoi colleghi specializzandi, che lo pone in un piano di inferiorità.

La poca attrattiva economico-contrattuale che propone il corso di formazione in medicina generale, sommata alla mancata programmazione in tema di risorse numeriche, dovrebbero indurre i due ministeri sopracitati a invertire le loro politiche sul tema in questione.

FIMMG formazione seguirà con estrema attenzione gli sviluppi dell’interrogazione e avrà cura di darne massima diffusione a tutti i colleghi.

Giuliana Arciello
Segretaria Nazionale di Fimmg Formazione
Fonte: http://www.quotidianosanita.it/governo-e-parlamento/articolo.php?articolo_id=43782



Accendiamoci di giorno: nuovo concorso FIMMG Continuità Assistenziale

#Nuovo #concorso FIMMG CA
— Aperto anche ai medici in formazione in medicina generale #futuriMg —

“Accendiamoci di giorno – Percorsi assistenziali diurni per il Ruolo Unico” è il nuovo concorso istituito da FIMMG Continuità Assistenziale, che nasce con lo scopo di rendere i medici parte attiva nel percorso di costruzione del “Ruolo Unico” in medicina generale offrendo a tutti i partecipanti la possibilità di esporre il proprio progetto o la propria esperienza di attività assistenziale diurna per medici a Rapporto Orario (Ex Continuità Assistenziale).
“In realtà, l’Accordo collettivo nazionale della Medicina Generale, già dal 2005, prevede per i Medici di Continuità Assistenziale la possibilità di svolgere in ore diurne feriali attività assistenziali aggiuntive, nell’ambito delle forme associative funzionali, su specifici progetti definiti da accordi aziendali” –dichiara Tommasa Maio, Segretario Nazionale FIMMG CA.
“Ma ad oggi non tutte le Aziende garantiscono ai Medici di Continuità Assistenziale (MCA) tale prerogativa”- continua Maio- “e per questo motivo abbiamo voluto riportare all’attenzione di tutti quello che oltre ad esser un diritto disatteso per i professionisti, è soprattutto un’opportunità persa di potenziare la capacità assistenziale della Medicina Generale”.
Il concorso è aperto a tutti i medici di medicina generale a quota oraria e non, ai medici in formazione, iscritti e non iscritti ai settori FIMMG. La partecipazione prevede la produzione di un elaborato, secondo i criteri definiti dal bando, che dovrà essere inviato entro le ore 14 del giorno 3 ottobre 2016. Il premio principale sarà l’iscrizione gratuita per il vincitore Master di II livello in Economia e Management della Sanità presso l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”.

Scarica ora il bando e la documentazione per aderire all’iniziativa al seguente link:

http://www.fimmgca.org/archivio-news-2/257-accendiamoci-di-giorno-nuovo-concorso-fimmg-continuita-assistenziale