Sessantotto2punto0

Sessantotto2punto0
image_pdfimage_print

fimmgf-newsletter

Sessantotto2punto0

16/11/2014


Come nel ‘68 operai e studenti, uniti, con la loro carica di contestazione, fecero vacillare governi e sistemi politici, così, oggi, col #sessantotto2punto0 la protesta diventa social e unisce medici professionisti e giovani precari che si affacciano alla professione.

Questo è lo spirito della piattaforma sessantotto2punto0: un progetto di protesta intergenerazionale-intersettoriale dove varie categorie di medici, si confrontano sui punti critici della professione sfruttando gli strumenti del web 2.0 (social network, streaming, forum) per facilitare la comunicazione ed amplificare il messaggio, in modo da far arrivare le problematiche all’orecchio delle Istituzioni.

L’idea nasce sulla scia dell’occupazione simbolica degli Ordini dei Medici dello scorso 28 luglio, conosciuta come #protesta2.0, che ha visto attiva partecipazione da parte dei giovani degli Ordini di Ancona, Modena, Napoli, Palermo e Roma, uniti nella lotta contro il precariato al grido di #noiceneoccupiamoetu.

L’utilizzo degli strumenti massmediatici ha permesso di coinvolgere nell’evento, oltre alle persone fisicamente presenti agli Ordini, 1400 contatti in diretta streaming, 2200 tweet con un totale di 30.000 soggetti coinvolti. Questa è la potenza social e questo lo spirito di squadra che caratterizza sessantotto2punto0. Una piattaforma reale e virtuale fatta di studenti in medicina, neoabilitati, specializzandi, corsisti MG, MMG junior e senior, specialisti… Nativi (o non) dell’epoca digitale… che si esprimono nel web e nel web trovano il loro spazio e la loro identità.

I contenuti della piattaforma riguardano:

  • #programmazione post-laurea
    In un panorama sanitario in cui la percentuale di pensionamenti è in continuo crescendo, si prevede nei prossimi anni un aumento del fabbisogno di medici che non è attualmente compensato dal numero di iscritti al CLMC né tantomeno dalle borse stanziate per la Medicina Generale e le Specializzazioni.
    Un primo risultato a riguardo è già stato ottenuto: lo scorrimento di 60 gg della graduatoria di medicina generale. Il Decreto del Ministero promosso dall’On. Crimì ha permesso che non fossero perse borse di studio, lasciate dai vincitori del concorso di specializzazione, problema sollevato durante la protesta.
  • #attivitàprofessionalizzanti remunerate in maniera aggiuntiva in CFSMG
    Quasi 5mila firme sono state raccolte con la petizione scritta dal Coordinatore Regionale Fimmg Formazione Salvatore Caiazza promossa e divulgata da tutto il settore Formazione,per dire no alla cancellazione dell’art.5 comma14 del Patto della Salute.
    La petizione lanciata sui social, principalmente su twitter, è stata “sponsorizzata” nella protesta 2.0 degli Ordini, in diretta streaming nazionale ed è rimbalzata sui social per giorni e giorni arrivando ad un risultato notevole, che speriamo ci farà ottenere il risultato più importante, appunto, le attività professionalizzanti remunerate nel corso di formazione specifica in Medicina Generale.
    La borsa percepita dai corsisti di Medicina Generale è notevolmente inferiore al contratto di formazione lavoro degli specializzandi e viene chiesto di integrarla attraverso attività lavorative proprie della nostra Formazione Specifica. L’inserimento delle attività professionalizzanti in ACN è fondamentale per raggiungere questo scopo, e per poter essere parte attiva delle nuove aggregazioni funzionali nelle quali si sta evolvendo la medicina del territorio. Inserimento che auspichiamo possa avvenire fin dall’inizio del triennio formativo, fermo restando il diritto inderogabile di precedenza di coloro i quali hanno già acquisito il diploma di Formazione Specifica in Medicina Generale, o equipollenti ai sensi D.M. 15/12/1994.

Altri contenuti della piattaforma riguardano:

  • #accesso rapido alla professione #no tempi morti
    Principali ostacoli a riguardo sono l’anno successivo al termine del corso di formazione specifica MG, che costringe ad un’attesa inutile prima dell’inserimento in graduatoria e l’abilitazione post-laurea che impedisce ai neolaureati di partecipare ai concorsi per mere questioni burocratiche.

Altri temi da discutere:

#corecurriculum
#adeguamentoISTAT
#maternità

Restate on-line… il #sessantotto2punto0 è già cominciato! #noiceneoccupiamoetu

 

Giuliana Arciello
FIMMG Formazione Campania

Share This Post

Post Comment