Scotti: più finanziamenti per formazione in medicina generale

Scotti: più finanziamenti per formazione in medicina generale
image_pdfimage_print

Rassegna Stampa


Scotti: più finanziamenti per formazione in medicina generale

25/06/2013


La Fimmg denuncia l’assoluta parzialità e incongruità della proposta di legge Schirru che prevede il rilascio del diploma di formazione specifica in medicina generale anche agli specialisti che hanno svolto attività pratica in ambulatorio. E’ una proposta in palese contrasto con la direttiva CEE n. 86/457/CEE che sancisce l’obbligo per gli Stati europei di prevedere l’istituzione di un corso di formazione specifica in medicina generale e rende obbligatorio il titolo per l’esercizio della medicina generale, obbligo necessario a garantire la libera circolazione sul territorio della comunità europea di medici di medicina generale specificamente formati nell’interesse assistenziale dei cittadini.

“Appare evidente che sia, invece, necessario individuare gli strumenti organizzativi ed economici nell’ambito delle rispettive responsabilità del Governo e delle Regioni per una soluzione alla criticità demografica in medicina generale che saranno sempre più evidenti nei prossimi anni”. dichiara Silvestro Scotti Vicesegretario Nazionale Fimmg.

D’accordo Daria di Saverio, coordinatore nazionale di Fimmg Formazione, che sottolinea: “Chiedo agli estensori di tale proposta perché il diritto che sarebbe garantito nell’area della medicina generale alla formazione specialistica integrata con ore di attività pratica difficilmente controllabili e verificabili, non verrebbe altresì garantito in ambito specialistico ai medici formati alla medicina generale con altrettante ore di attività riconosciute in attività assimilabili alla assistenza specialistica”. L’analisi economica delle delibere Cipe di finanziamento, dall’anno 1989 ad oggi, mostra di fatto quanto si sia investito rispettivamente nelle due differenti aree di formazione post-laurea in Italia, medicina generale e specialistica, rendendo urgente intervenire su un cambio di direzione sia in termini di numeri che di risorse. Infatti, il finanziamento totale erogato alle Regioni in favore della formazione post-laurea dei medici di medicina generale dal 1989 ad oggi, ovvero in 23 anni, è stato pari a 533.903.023,11 €, praticamente pari a quanto erogato alle stesse Regioni per il concorso al finanziamento per gli specializzandi di sole 3 annualità. “Ci aspetteremmo a questo punto – conclude Scotti – soluzioni che rivalutino gli investimenti a favore della formazione in medicina generale rispetto all’area di formazione specialistica che certamente costa di più”.

Torna alla sezione di Rassegna Stampa

Share This Post

Post Comment