Medici in Formazione-Lavoro: FIMMG Formazione scrive al Ministro per rinnovare la richiesta di proroga del D.L. Semplificazioni e chiedere il riconoscimento delle ore come attività formativa

Medici in Formazione-Lavoro: FIMMG Formazione scrive al Ministro per rinnovare la richiesta di proroga del D.L. Semplificazioni e chiedere il riconoscimento delle ore come attività formativa
image_pdfimage_print

In vista dell’imminente scadenza fissata per il prossimo 31 dicembre, FIMMG Formazione interviene con una lettera indirizzata direttamente al Ministro Speranza, rinnovando la richiesta di una proroga del D.L. Semplificazioni. Se tale richiesta verrà accolta, i colleghi in Formazione Specifica in Medicina Generale potranno continuare ad assumere incarichi convenzionali di Medicina Generale (ossia gli incarichi temporanei di cui all’Art. 9 comma 1 del D.L. 135/18), rimasti vacanti, già durante il Triennio, con la conversione a contratto indeterminato non appena acquisito il titolo di specialista in Medicina Generale.

In più occasioni abbiamo dimostrato la crucialità del ruolo che, come Medici in Formazione Specifica in Medicina Generale, abbiamo avuto e stiamo avendo tuttora nell’assistenza sanitaria territoriale, in un momento storico in cui a causa della cronica carenza dei Medici di Medicina Generale, aggravata dalla pandemia di Sars-CoV2, più di un milione di nostri concittadini sono privi del proprio Medico di Famiglia” scrive la Segretaria Nazionale Erika Schembri nella lettera.

Non solo la proroga però, Schembri spinge sulla Formazione Lavoro e aggiunge alla richiesta “che le ore svolte dal medico in formazione vengano riconosciute come attività pratica come è attualmente previsto per gli incarichi convenzionali a tempo determinato dai D.M. del 28 settembre 2020 e successivo 14 luglio 2021, nelle more di una revisione complessiva del Corso di Formazione Specifica”.

Attendiamo dunque che il Ministro Speranza, già dimostratosi sensibile al problema, accolga la richiesta della rappresentanza sindacale e permetta a nuovi giovani medici di poter dare il proprio contributo come Medici in Formazione-Lavoro.